Marito Geloso evira e uccide il sindaco e poi si toglie la vita!

La gelosia è il sentimento che pervade l’animo della maggior parte degli uomini innamorati. Tuttavia, nella cittadina di Bretteville-le-Rabet, nel dipartimento del Calvados in Bassa Normandia, un uomo si è fatto prendere un tantino la mano. La vicenda ha dell’incredibile: letteralmente pazzo di gelosia, un uomo ha tolto la vita al sindaco della città dopo averlo evirato. Sì, avete capito bene: evirato! L’assassino si poi è suicidato dopo aver commesso il fatto.   Una tragedia immane che ha sconvolta l’intera cittadina. È accaduto tutto nella notte tra il 22 e il 23 maggio. Su tutte le furie, totalmente preso dalla gelosia, l’uomo ha deciso di aggredire quello che lui credeva l’amante della moglie e di ammazzarlo. Un gesto estremo. La storia, tuttavia, andava avanti da tempo. In effetti, da un po’ l’uomo accusava la moglie di avere una relazione sentimentale con il primo cittadino, Dominique Leboucher, 55 anni, che era stato eletto sindaco nelle elezioni dello scorso marzo e consigliere della città dal 2001 al 2008.     Il gesto che preoccupa, tuttavia, è un altro. L’assassino non si è limitato a togliere la vita alla sua vittima. Prima, ha pensato ad evirarla, come a voler eliminare la causa della relazione che c’era tra il sindaco e la moglie. Relazione che, comunque, non è accertata. La sua gelosia nasceva dal fatto che la donna, consigliere comunale, passava molto tempo col sindaco. La gelosia, a volte, gioca brutti scherzi.   La vicenda si è conclusa, poi, peggio di quanto si potesse prevedere. L’uomo si è suicidato poco dopo aver commesso l’omicidio e il suo cadavere è stato trovato vicino agli uffici del comune. Forse resosi conto di ciò che aveva fatto, non ha retto al pensiero delle conseguenze dell’omicidio. Un raptus di follia sfociato in una tragedia enorme.