Michael Schumacher: A 48 mesi dal terribile incidente accade l’impossibile

Oggi, mercoledì 12 gennaio 2018, Michael Schumacher compie 49 anni. Ma, a 48 mesi dal terribile incidente mentre sciava fuoripista sulle nevi francesi di Meribel, nulla si sa sul suo reale stato di salute. Sette titoli iridati e una lunga serie di record che per anni restano imbattuti. Sembrerebbe da alcune fonti non confermate che siano in corso sul corpo del pilota delle terapie mediche sperimentali che stanno iniziando a dare significativi miglioramenti, l’attività cerebrale inizia ad essere più stabile e regolare, anche se lo stato cosciente è ancora lontano.

Eppure dopo aver rischiato la vita in F.1 per diciannove stagioni (16 consecutive, ndr) a partire dal 1991, Michael Schumacher ha vissuto il momento maggiormento negativo della sua vita, calzando un paio di sci insieme al figlio Mick, quel 29 dicembre di quattro anni fa, quando uno sfortunato incidente mentre sciava sulle nevi francesi di Meribel gli ha tolto la gioia di una vita normale.

La caduta con la violenta botta contro un masso nascosto dalla neve gli procurava gravi danni cerebrali che lo hanno tenuto in coma per 169 giorni all’Ospedale di Grenoble da dove è uscito il 16 giugno dell’anno successivo per essere trasferito a Losanna in Svizzera presso il centro ospedaliero universitario di Vaud dove il sette volte iridato è rimasto fino agli inizi di settembre, quando il giorno 9, la sua portavoce Sabine Kehm, confermava il suo ritorno a casa a Gland, vicino Ginevra, dove risiede con la famiglia.

Da quel giorno verrà assistito da una equipe di medici ed infermieri nella speranza di un recupero, lento e inesorabile del quale si sa ben poco, visto la fitta cortina creata da familiari ed amici che lo proteggono da speculazioni e dalla ricerca di scoop giornalistici. In questi quattro lunghi anni, però, una cosa non è venuta mai a mancare l’affetto ed il cuore pulsante dei suoi tantissimi tifosi. #keepfightingmichael